60. Pianta e veduta prospettica dell’accesso al corpo scala e del cortile.
Matita, inchiostro e acquerello su carta, mm 425 x 310. Datato in basso a destra: 1822
In basso al centro, verso sinistra: d’une maison vicolo di monte-vecchio a Rome.

Nell’area limitrofa a S. Maria della Pace, cuore del quartiere rinascimentale di Roma, Q. seleziona due esempi di maisons con ingressi e prospetti interessanti nell’ambito del decoro architettonico dei piccoli edifici. Questo palazzetto in vicolo di Montevecchio, seppur non rintracciato, desta interesse per il dettaglio della pavimentazione a mattoni posati a spina di pesce e per lo sfondo prospettico del cortile esaltato dalla presenza di una statua anticheggiante, identificabile con una copia dell’Hermes con testa non pertinente di stratega (cosiddetto Pseudo-Focione) della Sala della Biga del Museo Pio Clementino in Vaticano, opera rivenuta nel 1737 in occasione degli scavi per la costruzione del palazzo del cardinale Antonio Gentili sul Quirinale e venduta nel 1778 da Vincenzo Pacetti al museo vaticano. Nel 1803 era stata pubblicata da Charles-Paul Landon negli “Annales du Musée et de l’École moderne des Beaux-Arts” (tomo IV, tav. 31, pp. 69-70). (A. C.)